:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

“Non chiamatela assassina”: appello della mamma di un ragazzo disabile

Elena Improta, che ha un figlio con grave disabilità, commenta il caso della donna che, in Sardegna, ha tolto la vita ai due figli disabili e poi si è suicidata: “non è violenza, né follia: in certi casi, può essere un atto d'amore e di coraggio. Può capirlo solo chi lo vive ogni giorno”

Benvenuto su RS, l’agenzia giornalistica di Redattore Sociale.

Questa notizia è riservata agli abbonati.
Effettua il e accedi alla notizia. Oppure:

Scopri come abbonarti Vai alla homepage
di RS Agenzia
Vai a
Redattore Sociale