:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

L’operaio licenziato: “Non sono stati i migranti a rubarmi il lavoro, ma le multinazionali”

Marcello, 56enne lavoratore alla Bekaert di Figline, commenta l’annuncio dell’azienda ci licenziare 318 dipendenti dal palco della manifestazione antirazzista di Firenze: “Non ho paura di chi arriva su una barca, ma dei padroni che chiudono una fabbrica con una lettera di licenziamento”

Benvenuto su RS, l’agenzia giornalistica di Redattore Sociale.

Questa notizia è riservata agli abbonati.
Effettua il e accedi alla notizia. Oppure:

Scopri come abbonarti Vai alla homepage
di RS Agenzia
Vai a
Redattore Sociale